(ANS – Roma) – L’Associazione di Maria Ausiliatrice (ADMA) il prossimo 18 aprile compirà 150 anni di fondazione. Nacque infatti a Torino il 18 aprile 1869, per opera di san Giovanni Bosco, l’anno successivo alla consacrazione della Chiesa di Maria Ausiliatrice (9 giugno 1868), in ringraziamento per i benefici che la gente riconosceva alla Vergine e come strumento per la difesa e la crescita della fede del popolo cristiano.

L’ispirazione che mosse Don Bosco era quella di offrire una proposta di vita cristiana semplice, che sostenesse la vita ordinaria dei fedeli, ancorandoli saldamente alle “due colonne” dell’Eucaristia e di Maria, Immacolata e Aiuto dei Cristiani.

Nel messaggio inviato in occasione di questa felice ricorrenza il Presidente dell’ADMA Primaria di Torino-Valdocco, signor Renato Valera, sottolinea: “La coincidenza con la data liturgica del Giovedì Santo invita a vivere con spirito eucaristico questo anniversario. Mentre rendiamo grazie per questi 150 anni di vita dell’Associazione di Maria Ausiliatrice, impegniamoci, fedeli al carisma del nostro santo fondatore Don Bosco, a lasciarci guidare dallo Spirito Santo per un rinnovato impulso evangelizzatore ed educativo”.

“Si tratta di vivere e di portare la fede in Gesù Cristo e l’amore a Maria a molti amici, familiari, colleghi, vicini, conoscenti – prosegue il signor Valera –. L’essenziale di questo impulso evangelizzatore consiste nel rinnovare l’Associazione con un’attenzione privilegiata alla famiglia e alle nuove generazioni, favorendo e curando l’amicizia personale, l’apertura verso tutti e lo spirito di servizio, facendo nostri gli atteggiamenti profondamente evangelici di Maria: la sua disponibilità a Dio, la sua fedeltà nell’ora della prova e della croce, il suo spirito di gioia e di rendimento di grazie per le meraviglie che il Signore opera”.

In particolare, gli 800 gruppi dell’ADMA aggregati in tutto il mondo sono invitati a programmare, per il Giovedì Santo o in un altro momento, un tempo di adorazione eucaristica in cui rinnovare, con Maria, la fede in Gesù Cristo e l’impegno ad essere testimoni gioiosi della vita nuova del Vangelo.

“È una grazia poter vivere questo tempo, un dono per guardare indietro e riconoscere, uniti al mistero di Dio e lungo 150 anni, un cammino di fede che attraversa le generazioni” aggiunge il signor Valera, con don Pierluigi Cameroni, Animatore Spirituale, e gli altri membri del Consiglio dell’ADMA Primaria.

“Gesù e Maria – concludono – ci invitano ancora una volta a guardare avanti, a crescere nella santità, nella preghiera, ad essere lievito, sale e luce del mondo, rinnovando continuamente lo spirito con cui Don Bosco ci ha fondato: gratitudine a Maria per la sua presenza materna e protezione e crescita della fede del popolo di Dio. In questo cammino Maria Ausiliatrice ci guida e ci accompagna, trasformandoci in missionari di pace e di amore”.

Per ulteriori informazioni, visitare il sito: https://www.admadonbosco.org/